PsicoFocus: I Disturbi del Comportamento Alimentare

0
55
PsicoFocus

I Disturbi del comportamento Alimentare

PsicoFocus

I Disturbi del comportamento Alimentare

I disturbi del comportamento alimentare (DCA), definiti nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) come “Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione”, sono contraddistinti da un persistente disturbo dell’alimentazione o da comportamenti legati all’alimentazione che alterano il consumo o l’assorbimento di cibo, compromettendo in maniera significativa la salute fisica, ma anche il funzionamento psicosociale di chi ne soffre. Essi rientrano ad oggi tra le cause più frequenti di disabilità giovanile a cui sembra essere associato un elevato rischio di mortalità ed è preoccupante la loro crescente diffusione, soprattutto per quanto riguarda la Bulimia e il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder). Il rischio di suicidio nell’Anoressia Nervosa è alto, con tassi riportati a 12 su 100000 per anno (DSM-5).

Gli studi epidemiologici internazionali segnalano un aumento dell’incidenza dei DCA nella fascia femminile tra i 12 e 25 anni e stimano nei paesi occidentali, compresa l’Italia, la prevalenza dell’Anoressia Nervosa (AN) intorno allo 0.2-0.8%, quella della Bulimia Nervosa (BN) intorno al 3%, e i DCA NAS (Non Altrimenti Specificati) tra il 3.7 e il 6.4%. L’incidenza dell’Anoressia Nervosa è di 4-8 nuovi casi per anno su 100.000 individui, e di 9-12 per la BN.

Le linee guida (NICE, 2017) indicano che sebbene i disturbi alimentari possano svilupparsi a qualsiasi età, il rischio è più elevato per i giovani uomini e donne di età compresa tra 13 e 17 anni.

Ad oggi questo tipo di disagio si sta diffondendo anche tra i maschi, sotto forma di nuovi disturbi che sembrano essere tipici del sesso in questione, ossia la vigoressia, una dipendenza patologica dall’esercizio fisico che si riflette in una pratica dello sport che va ben oltre i limiti normalmente posti dallo sforzo, dalla noia e dalla stanchezza (Velea, 2016). 

Alcuni studi indicano una maggiore gravità del disturbo quando l’esordio è precoce (Steinhausen, 2002), segnalando quindi l’estrema importanza di identificare i fattori che favoriscono lo sviluppo di questi disturbi prima dell’adolescenza.  

 

Il DSM-5 distingue sei tipi di DCA:

  1. Pica, un disturbo che consiste nell’ingerire persistentemente e per almeno un mese sostanze non commestibili e inappropriate rispetto allo stadio di sviluppo. Le sostanze ingerite variano con l’età e possono essere carta, sapone, stoffa, capelli, lana, terra, gesso, ciottoli, etc. Generalmente non si associa ad una più generale avversione per il cibo.
  2. Disturbo da ruminazione, contraddistinto da un ripetuto rigurgito di cibo per almeno un mese che si verifica diverse volte alla settimana. Il cibo rigurgitato viene poi rimasticato, ringoiato o sputato. Spesso la persona lo riporta come un aspetto abituale o fuori dal proprio controllo.
  3. Disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo, che sostituisce ed estende la diagnosi precedente di disturbi della nutrizione e dell’alimentazione dell’infanzia e della prima infanzia. Esso si presenta sotto forma di una sostanziale incapacità nel soddisfare i requisiti per la nutrizione oppure di un apporto energetico insufficiente. È accompagnato da una perdita di peso, significativo deficit nutrizionale con relativo impatto sulla salute, da dipendenza dall’alimentazione parenterale oppure altri tipi di supplementi e marcata interferenza col funzionamento psicosociale della persona.  
  4. Anoressia nervosa, che si presenta con alcuni aspetti caratteristici, ossia la restrizione nell’assunzione di calorie ed il peso corporeo significativamente basso. Chi soffre di Anoressia ha una intensa e invalidante paura di ingrassare, percepisce in maniera alterata il proprio peso e la forma del proprio corpo con una costante sensazione di essere in sovrappeso, anche quando è notevolmente (e rischiosamente) sottopeso.

Essa può manifestarsi con restrizioni (la perdita di peso è ottenuta principalmente attraverso la dieta, il digiuno e l’intensa attività fisica) piuttosto che con abbuffate e/o condotte di eliminazione (uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi, vomito autoindotto). Un’abbuffata è un episodio in cui la persona ingerisce un enorme quantitativo di cibo con la sensazione di perdere il controllo su quello che sta facendo. Più precisamente, questa appena descritta è l’abbuffata oggettiva, ma è possibile parlare anche di abbuffata soggettiva quando la quantità di cibo non è oggettivamente eccessiva (Fairburn, 2010).

  1. Bulimia nervosa, caratterizzata da abbuffate e condotte compensatorie inappropriate per evitare l’aumento di peso, almeno 1 volta alla settimana per 3 mesi. Anche in questi casi gli episodi di abbuffata sono contraddistinti dalla sensazione di perdere il controllo di sé.

I livelli di autostima di chi soffre di bulimia sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporeo. Le condotte compensatorie utilizzate per scampare all’aumento di peso dopo un episodio di abbuffata vengono definite “inappropriate” perché consistono nell’indursi il vomito, nell’abusare di lassativi, diuretici e farmaci di questo tipo, nel digiunare e/o nel praticare un’attività fisica eccessiva. La pratica compensatoria più diffusa è quella del vomito che dà un’immediata riduzione della sensazione di malessere fisico e soprattutto un senso di liberazione dal tanto temuto, e per questo scongiurato, aumento di peso. Raramente chi soffre di bulimia fa ricorso ad ormoni tiroidei per accelerare il metabolismo ed evitare l’aumento di peso. I metodi per autoindursi il vomito possono essere diversi, come l’uso delle dita oppure di altri strumenti per stimolare il riflesso faringeo. Le persone che soffrono di bulimia solitamente nascondono i loro sintomi perché se ne vergognano profondamente. Così le abbuffate avvengono principalmente in solitudine e in segreto, spesso innescate da un’emozione negativa, da condizioni interpersonali stressanti, ma anche da restrizione dietetica, noia e sentimenti negativi legati al peso e alla forma corporea. Molto spesso a preparare il terreno per la prossima abbuffata è proprio l’intenso sforzo che la persona esercita su sé stessa per seguire una dieta decisamente ferrea che si è autoimposta. La persona pensa di dover rispettare alla lettera tutte le regole dietetiche che ha stabilito e ogni volta che “infrange” queste regole assumendo un alimento non consentito, anche solo uno, va’ incontro ad un terribile senso di fallimento e ad una dolorosa auto-critica che la porta ad abbuffarsi. Alla base di questa reazione vi è uno stile di pensiero caratteristico di molte persone che soffrono di Bulimia Nervosa, definito pensiero tutto o nulla (Fairburn et al. 1999): mangiare un biscotto significa aver violato le regole, significa aver mandato tutto all’aria, andando pertanto a costituire l’incipit della prossima abbuffata, che continua fino a quando la persona non si sente dolorosamente piena.

Per quanto riguarda l’attività fisica, essa viene definita “eccessiva” quando interferisce con altre attività importanti per la vita della persona, quando viene svolta in orari o ambienti inusuali, oppure quando la persona si ostina a svolgerla nonostante condizioni fisiche o mediche avverse.

  1. Disturbo da binge-eating, contraddistinto da episodi di abbuffata con la sensazione di perdere il controllo almeno 1 volta alla settimana per 3 mesi, non seguite da condotte di eliminazione o di controllo del peso di alcun tipo, come invece accade nella bulimia. La perdita di controllo viene segnalata dall’incapacità di astenersi dal mangiare oppure di fermarsi. Inoltre, alcune persone lamentano un senso di estraniamento durante o subito dopo l’abbuffata. Tali episodi sono associati ad un marcato disagio e ad almeno tre dei seguenti fattori: la persona mangia molto più rapidamente del normale e fino a provare dolore; mangia una grossa quantità di cibo anche se non ha fame; l’abbuffata avviene in solitudine perché si vergogna della quantità di cibo che ingerisce; prova disgusto verso sé stessa, si sente in colpa e molto triste dopo l’episodio. Gli studi scientifici evidenziano l’associazione tra emozioni negative ed episodi di abbuffate al punto da costituire il postulato del modello di trattamento basato sulla regolazione emotiva secondo cui tra l’episodio di alimentazione incontrollata e le emozioni negative c’è una relazionale funzionale: l’abbuffata viene attivata da livelli elevati di emozioni negative e, contemporaneamente, ha la funzione di moderarne gli effetti (Safer, 2011). Tuttavia, è evidente che si tratta di una strategia di coping disfunzionale dal momento che se da un lato è vero che nell’immediato può dare un momentaneo senso di benessere e di distensione, dall’altro è anche vero che se utilizzata con una certa consuetudine, essa può portare ad un abbassamento del livello di benessere psicofisico, sia perché risulta ristretta la gamma di stimoli appaganti, sia perché non promuove l’individuazione delle proprie  emozioni che dovrebbero invece essere funzionali ad attivare reazioni più efficaci alla risoluzione di eventuali aspetti problematici (Della Grave et al., 2013).

Infine il DSM-5 include le categorie diagnostiche del “Disturbo della nutrizione o della alimentazione con altra specificazione” (di cui fanno parte il disturbo con condotte di eliminazione in assenza di abbuffate, la sindrome da alimentazione notturna e i casi sottosoglia di anoressia, bulimia e disturbo da alimentazione incontrollata) e del “Disturbo della nutrizione o della alimentazione senza specificazione”, in cui rientrano quelle condizioni dove mancano informazioni per specificarne le caratteristiche.

 

I disturbi del comportamento alimentare hanno un forte impatto sulla vita di chi ne soffre, e non solo su un piano strettamente fisico, ma anche psicologico e sociale. Possono esserci delle complicazioni mediche importanti non solo in caso di Anoressia dove le conseguenze sono spesso immediatamente evidenti, ma anche per gli altri disturbi. E per quanto riguarda invece il piano psicologico, chi soffre di DCA è spesso depresso e fortemente stressato per il suo problema con importanti conseguenze anche sulla sfera sociale, da cui lentamente si distacca, fino ad un vero e proprio isolamento sia a causa dell’abbassamento del tono dell’umore, sia perché si vergogna del proprio stile alimentare o della propria forma fisica.

I disturbi alimentari vengono presentati come categorie diagnostiche chiaramente separate e distinte, ma sulla base di evidenze empiriche solide, alcuni autori pongono l’accento sul fatto che spesso le pazienti con Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa e Disturbi dell’Alimentazione NAS hanno una grande quantità di caratteristiche comuni e che il decorso della loro malattia segnala una migrazione tra queste diagnosi (Fairburn, 2010). L’aspetto più sorprendente per alcuni autori non è tanto ciò che li differenzia, bensì quello che li accomuna, ossia l’eccessiva valutazione e il controllo della forma e del peso corporeo (Fairburn, 2010; Murphy et al., 2010). Tale osservazione ha chiaramente delle importanti implicazioni sul piano della cura dei DCA, ma di questo ne parleremo nel prossimo articolo in cui esploreremo appunto la lettura cognitivo comportamentale dei disturbi alimentari e il trattamento da essa derivante, ad oggi riconosciuto come il trattamento d’elezione per questo tipo di problematiche.  

Riferimenti Bibliografici

  • American Psychiatric Association. Diagnostic and statistical manual of mental disorders. 5th ed. Washington, DC: American Psychiatric Association; 2013.
  • Compare A., Calugi S., Marchesini G., Shonin E., Grossi E., Molinari E., Dalle Grrave R. (2013). Emotionally focused group therapy and dietary counseling in binge eating disorder. Effect on eating disorder psychopathology and quality of life. Appetite, Volume 71, 1 December 2013, Pages 361-368.
  • Fairburn C. G., Shafran, R., & Cooper, Z. (1999). A cognitive behavioural theory of anorexia nervosa. Behaviour Research and Therapy, 37, 1-13.
  • Fairburn C. G. (2010), La terapia Cognitivo Comportamentale dei Disturbi dell’Alimentazione. Edizione Italiana a cura di A. Carrozza e R. Dalle Grave. Scienze cognitive e Psicoterapia. ECLIPSI.
  • National Institute for Clinical Excellence. Eating disorders Eating disorders: recognition and treatment (clinical guideline no. 69). 23 May 2017.
  • Murphy R., Straebler S, Cooper Z, Fairburn C.G. (2010). Cognitive behavioral therapy for eating disorders. Psychiatric Clinic of North America. Sep;33(3):611-27.
  • Safer L., Telch C. F., Chen E. J. (2011). Binge eating e bulimia. Trattamento dialettico-comportamentale. Psichiatria psicoterapia neuroscienze. Cortina Raffaello.
  • Steinhausen, H-C. (2002). The outcome of anorexia nervosa in the 20th century. Am J Psychiatry 2002; 159:1284–93.
  • Velea, D. (2016). Bigoressia: quando lo sport dà dipendenza. Psicologia contemporanea, 253: 40-43.